Sostegno per il lavoro delle persone con sclerosi multipla, gli strumenti

Per le persone con SM esiste una serie di misure di sostegno volte a ridurre l'impatto della malattia sull'attività lavorativa e ad agevolare lo svolgimento delle funzioni, permettendo al lavoratore di esercitare al meglio la sua prestazione professionale. Tra queste opzioni ci sono, ad esempio, il telelavoro, il lavoro part-time (in differenti declinazioni), i congedi straordinari e la scelta della sede di lavoro.

Il telelavoro, nelle situazioni in cui è applicabile, consente di lavorare indipendentemente dalla posizione geografica dell'ufficio o dell'azienda, da una postazione allestita nella propria abitazione o in altro luogo e attrezzata con la strumentazione necessaria (pc, modem, telefono). Questa modalità prevede che l'interazione con gli interlocutori professionali avvenga per via telefonica o per e-mail. Tra i vantaggi per le persone con SM c'è la possibilità di lavorare in un ambiente familiare, organizzando in maniera flessibile gli orari per rispondere al meglio alle esigenze legate alla malattia e alle cure.
Naturalmente, la scelta del telelavoro non è possibile per qualunque ambito ed è soggetta a regolamentazioni variabili, da verificare con i propri superiori.

Il lavoro part-time è inteso come incentivo a mantenere un lavoro nei casi in cui l'orario intero si sia dimostrato insostenibile a causa dell'impatto della malattia, dei suoi sintomi o del tempo necessario alle cure. È importante ricordare che il lavoratore part-time ha diritto alla stessa retribuzione oraria del lavoratore a tempo pieno.
Il part-time può essere: orizzontale, ovvero tutti i giorni, ma con orario ridotto; verticale, ovvero a tempo pieno, ma solo in giorni della settimana definiti precedentemente; misto, ovvero una combinazione delle due tipologie precedenti. Chi è affetto da SM attualmente non ha il diritto di passare dal tempo pieno al part-time; tuttavia deve essere informato circa eventuali assunzioni a tempo parziale in modo da poter presentare la domanda di trasformazione.

In caso di invalidità pari o superiore al 50% e della necessità di terapie, è possibile richiedere un congedo straordinario per cure (L. 118/71, come modificata dall'art. 10, del Decreto Legislativo 23 novembre 1988, n. 509).

Tra le altre opzioni disponibili per le persone affette da SM, particolarmente rilevante è la possibilità di usufruire di permessi retribuiti mensili, trasformabili in giornalieri (Legge 104/92 art. 33, comma 6). Importante: la legge stabilisce che di questi permessi, qualora non richiesti dalla persona con handicap, possano usufruire anche i parenti.
Un'ultima misura di sostegno, sia pur applicabile per forza di cose in poche realtà, è la possibilità di scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio (art. 33 della Legge 104/92).

In breve

  • Per le persone affette da sclerosi multipla è possibile lavorare da casa, attraverso il telelavoro.
  • Per le persone con SM è possibile richiedere congedi straordinari per cure.
  • Le persone con SM possono usufruire di permessi retribuiti e scegliere, dove possibile, di cambiare la sede di lavoro in base alle proprie esigenze.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2014

Condividilo sui tuoi profili social

Centri SM

Cerca il centro specializzato dedicato alla sclerosi multipla più vicino.

Coming soon

Associazioni SM

Non sei solo ad affrontare la malattia.

Scopri tutte le associazione SM

Domande più frequenti

Le domande più frequenti sulla SM.

Scopri di più