Sindrome Clinicamente Isolata CSI

Con il termine “sindrome clinicamente isolata” (CIS, dall’inglese Clinically Isolated Syndrome) si fa riferimento a un primo episodio di sintomi neurologici, della durata di almeno 24 ore, causato da un processo di infiammazione e di demielinizzazione in uno (nel qual caso di parla di episodio monofocale) o più siti (nel qual casi si parla di episodio multifocale) del sistema nervoso centrale.

Episodio monofocale

Il soggetto ha un singolo segno o sintomo, ad esempio una neurite ottica retrobulbare causata da una singola lesione.

Episodio multifocale

Il soggetto ha avuto più di un segno o sintomo (ad esempio un attacco di neurite ottica accompagnato da stanchezza), causato da lesioni in più di un sito.

La CIS progredisce sempre in sclerosi multipla?

Le persone con una CIS non svilupperanno necessariamente e in ogni caso una sclerosi multipla clinicamente definita. Il rischio di avere una SM conclamata dipende, infatti,

  • dal tipo di CIS: la forma multifocale ha un rischio maggiore;
  • dal numero di lesioni evidenziabili alla risonanza magnetica del cervello e del midollo spinale. Se il soggetto mostra lesioni simili a quelle osservate nella SM, la persona ha un’alta probabilità di subire un secondo evento neurologico e di ricevere diagnosi di SM negli anni immediatamente successivi;
  • dal tipo di lesioni e dalla loro sede.

Per diagnosticare una CIS, il medico deve in primo luogo appurare se l’episodio neurologico è causato da un danno al sistema nervoso centrale e, in secondo luogo, deve determinare la probabilità che tale evento demielinizzante possa progredire in una sclerosi multipla clinicamente definita.

Terapia della sindrome clinicamente isolata

Alcuni studi hanno dimostrato l’utilità di una terapia a base di interferone beta e di altri farmaci modificanti la malattia, subito dopo il primo attacco, quando i risultati della risonanza magnetica hanno mostrato caratteristiche compatibili con la sclerosi multipla. E, cosa ancora più importante, è stato dimostrato che questo trattamento precoce può ridurre notevolmente il rischio di sviluppare una sclerosi multipla conclamata e ridurre anche il livello futuro di disabilità. Ciò avviene probabilmente per il fatto che tali farmici aiutano a mantenere sotto controllo i processi infiammatori “silenti” ossia quelli che non mostrano ancora sintomi o segni neurologici, proteggendo in tal modo le strutture neurologiche anche negli anni a seguire.

Bibliografia

  1. Clinically isolated syndromes. Miller DH, Chard DT, Ciccarelli O. Lancet Neurol. 2012 Feb;11(2):157-6. Review.

Ultimo aggiornamento: dicembre 2014

Condividilo sui tuoi profili social

Centri SM

Cerca il centro specializzato dedicato alla sclerosi multipla più vicino.

Coming soon

Associazioni SM

Non sei solo ad affrontare la malattia.

Scopri tutte le associazione SM

Domande più frequenti

Le domande più frequenti sulla SM.

Scopri di più